Ancora tempesta

Ancora tempesta Titolo: Ancora tempesta
Autore: Peter Handke
Traduttore: A. Scròfina, Y. Carola
Editore: Quodlibet
Anno edizione: 2015
Pagine: 132 p.
EAN: 9788874626601

Il titolo di questa storia, con la sua premeditata eco shakespeariana (Re Lear, III, 2), ci introduce immediatamente nella tonalità epica, amara e folle che la pervade. L’opera si articola in cinque dialoghi che l’autore, ormai anziano, intrattiene con i suoi avi, sloveni di Carinzia, qui più giovani dello scrittore che li mette in scena. I nonni, la madre giovanissima, due zii caduti al fronte e due che si sono dati alla macchia per combattere i nazisti, sono tutti riuniti per evocare l’epopea tragica e dimenticata di una minoranza oppressa, ma orgogliosamente protagonista dell’unico episodio di guerra partigiana svoltosi entro i confini del Terzo Reich. È l’adunata degli avi, plurale proiezione della personalità e della storia dell’autore, amato e odiato dai suoi e straniero a se stesso, poiché figlio di una slovena e del nemico germanico. Attraverso una serie di profetiche allocuzioni Handke dà espressione al proprio conflitto identitario, ma anche al silente e funesto lacerarsi della panglossiana identità europea. La nazione, “rifugio e prigione”, risorge dalla tomba. “La tempesta sta ancora infuriando. Tempesta continua. Ancora tempesta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *