Assassinio della cattedrale. Ipotesi, drammi e lacerazioni di una chiesa sfigurata: il caso di Reggio Emilia

Assassinio della cattedrale. Ipotesi, drammi e lacerazioni di una chiesa sfigurata: il caso di Reggio Emilia Titolo: Assassinio della cattedrale. Ipotesi, drammi e lacerazioni di una chiesa sfigurata: il caso di Reggio Emilia
Autore: S. Maccarini Foscolo
Traduttore:
Editore: Fede & Cultura
Anno edizione: 2011
Pagine: 80 p.
EAN: 9788864091167

Mentre Papa Benedetto XVI ribadisce che “ciò che per generazioni anteriori era sacro, anche per noi resta sacro e non può essere improvvisamente del tutto proibito o addirittura giudicato dannoso”, un nuovo “protestantesimo” ha cominciato a serpeggiare subdolamente nella Chiesa: è l'”eresia dell’informe” come è stata definita dal noto scrittore tedesco Martin Mosebach. Dietro l’alibi di un inedito pauperismo – abolizione di altari ed arredi consacrati dalla tradizione, eliminazione dei banchi, disposizione “dinamica” dell’assemblea attorno alla cattedra vescovile – si cela una deprimente decadenza del fattore estetico ed artistico, ma non solo. È in atto un allarmante processo di “desacralizzazione”, di perdita del senso del “divino” per cui il “contenitore – chiesa” assume i connotati di uno spazio asettico, spersonalizzato, piegato ad un uso polivalente e modernamente “differenziato”. Lo “scandalo” suscitato dall’oltremodo discusso “adeguamento liturgico” della cattedrale di Reggio Emilia, presentato, addirittura, come antitesi al Concilio Tridentino e alla “Chiesa Controriformata”, incarna emblematicamente lo spirito di questa nuova “eresia”, che getta una luce inquietante sull’ipotesi sempre più plausibile di trovarsi in presenza di un’altra Chiesa invano. Prefazione di Mons. Nicola Bux.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *