E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007

<!–more–>
<table border="0">
<tr><td><img src="https://img.ibs.it/images/9788871354521_0_0_300_80.jpg" alt="E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007" width="150"></td>
<td>Titolo: <strong>E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007</strong><br>
Autore: <strong>Vincenzo Fabri</strong><br>
Traduttore: <strong></strong><br>
Editore: <strong>Velar</strong><br>
Anno edizione: <strong>2009</strong><br>
Pagine: <strong>64 p., ill.</strong><br>
EAN: <strong>9788871354521</strong><br></td></tr>
<tr><td colspan="2"><br>
<ul>
<li><a href="http://bookinitnow.com/file.php?q=E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007.pdf">E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007.pdf</a> [PDF]</li>
<li><a href="http://bookinitnow.com/file.php?q=E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007.torrent">E san Gabriele di disse: «adesso alzati e cammina». I prodigi più recenti del santo dei miracoli dal 1975 al 2007.epub</a> [ePUB]</li>
</ul>
</td></tr>
<tr><td colspan="2"><br>San Gabriele dell'Addolorata (Assisi 1838 – Isola del Gran Sasso 1862) è conosciuto universalmente come il santo dei miracoli. Fin dal 1892, anno della riesumazione del suo corpo, il giovane studente passionista morto a 24 anni inizia a operare strepitosi segni in favore dei suoi devoti. Da allora si contano a migliaia gli episodi che si possono definire prodigiosi, attribuiti all'intervento del santo. Il libro illustrato racconta i più recenti. Nei fatti narrati c'è una costante ricorrente, quella del sogno premonitore. E tra questi casi ci sono quelli di persone che sognano il santo pur senza neanche conoscerne l'esistenza.</td></tr>
</table>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *