Il «Contra fatum» di Gregorio di Nissa nel dibattito tardo-antico sul fatalismo e sul determinismo

Il «Contra fatum» di Gregorio di Nissa nel dibattito tardo-antico sul fatalismo e sul determinismo Titolo: Il «Contra fatum» di Gregorio di Nissa nel dibattito tardo-antico sul fatalismo e sul determinismo
Autore: Beatrice Motta
Traduttore:
Editore: Fabrizio Serra Editore
Anno edizione: 2008
Pagine: 184 p.
EAN: 9788862270847

Lo studio di Beatrice Motta costituisce un contributo di particolare interesse per quell’ambito degli studi filosofico-religiosi che, a causa della loro collocazione ‘di frontiera’, richiedono un metodo non facile e una particolare competenza – e per questo motivo sono assai rari. Una ricerca sul “Contra fatum” di Gregorio di Nissa, infatti, coinvolge una serie di problemi che hanno attinenza con la tradizione culturale cristiana e quella pagana insieme. Almeno fin dal secondo secolo d.C., i primi scrittori dell’apologetica cristiana avevano negato decisamente l’esistenza del fato, in quanto tale credenza avrebbe annullato il libero arbitrio umano e impedito ogni merito che potesse giustificare la salvezza dell’uomo d’altra parte, la storia del pensiero greco e latino nell’età imperiale ci mostra come tale questione fosse sempre stata sentita particolarmente spinosa e di difficile soluzione. Gregorio di Nissa, quindi, si pone come punto di incontro – e di polemica tra le due visioni contrapposte, quella cristiana e quella pagana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *