Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM

<!–more–>
<table border="0">
<tr><td><img src="https://img.ibs.it/images/9788860300843_0_0_273_80.jpg" alt="Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM" width="150"></td>
<td>Titolo: <strong>Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM</strong><br>
Autore: <strong>James A. Kennedy</strong><br>
Traduttore: <strong>L. Bonalume, V. Di Mattei</strong><br>
Editore: <strong>Cortina Raffaello</strong><br>
Anno edizione: <strong>2007</strong><br>
Pagine: <strong>XV-286 p.</strong><br>
EAN: <strong>9788860300843</strong><br></td></tr>
<tr><td colspan="2"><br>
<ul>
<li><a href="http://bookinitnow.com/file.php?q=Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM.pdf">Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM.pdf</a> [PDF]</li>
<li><a href="http://bookinitnow.com/file.php?q=Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM.torrent">Il funzionamento del paziente psichiatrico: manuale di valutazione. Verso un nuovo Asse V del DSM.epub</a> [ePUB]</li>
</ul>
</td></tr>
<tr><td colspan="2"><br>L'Asse V di Kennedy o Asse K è uno strumento alternativo alla Scala per la valutazione globale del funzionamento (vGF) dell'Asse v del DSM-IV-TR, considerata da molti operatori di ridotta utilità pratica. L'Asse K si propone due obiettivi: valutare i diversi comportamenti del paziente nella fase di osservazione iniziale e rilevare i cambiamenti a medio e a lungo termine che possono intervenire in fase di trattamento o di riabilitazione. Secondo l'autore, il profilo che si ottiene con l'Asse K può anche fornire indicazioni utili per la scelta del trattamento. L'Asse K, a differenza del VGF, propone un approccio multidimensionale alla valutazione del paziente e indaga sette aree: Compromissione del funzionamento psicologico, Abilità sociali, Comportamenti violenti, Attività della vita quotidiana – Abilità occupazionali, Abuso di sostanze, Compromissione delle condizioni fisiche e Compromissione in altre aree. La raccolta delle informazioni necessarie non pone alcun vincolo: il clinico può effettuarla nel corso della sua attività consueta in quanto non è necessaria alcuna indagine supplementare. Il clinico, oltre a valutare quantitativamente il funzionamento del paziente, può specificarne le caratteristiche qualitative: nella Scheda di valutazione sono previsti sia i valori numerici da assegnare per ogni scala sia campi aperti, costituiti da spazi bianchi, che possono essere utilizzati per "descrivere" i problemi.</td></tr>
</table>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *