Il «Galletto» e Serramaggio. Storia di un capro espiatorio

Il «Galletto» e Serramaggio. Storia di un capro espiatorio Titolo: Il «Galletto» e Serramaggio. Storia di un capro espiatorio
Autore: Marco Milli
Traduttore:
Editore: Sensibili alle Foglie
Anno edizione: 2012
Pagine: 176 p., ill.
EAN: 9788889883709

Novembre 1936. Nelle campagne del pesarese, avviene un efferato triplice omicidio che passerà alla storia locale come la “strage di Serramaggio”: un’intera famiglia massacrata nella propria abitazione a colpi di scure. Un fatto sanguinoso al quale seguono lunghe e affannose indagini che coinvolgono numerose persone, anche se, sin dall’inizio, l’attenzione degli inquirenti si concentra sul “Galletto”, un contrabbandiere di tabacco definito “vagabondo”, “socialista” e “immorale”. Un perfetto colpevole per un’inchiesta giudiziaria che si protrae a lungo senza produrre prove. Isidoro Savini, il “Galletto”, trascorre così oltre metà della sua esistenza tra carcere e manicomio criminale fino al sopraggiungere della morte. Molti anni dopo, la confessione sul letto di morte di un’altra persona getterà nuova luce sull’intera vicenda. La storia qui ricostruita invita tutti a riflettere sul dispositivo del capro espiatorio e sulla tendenza – tanto delle istituzioni quanto della gente – ad attribuire questo ruolo ai soggetti più fragili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *