Julius il solitario

Julius il solitario Titolo: Julius il solitario
Autore: Gerard Donovan
Traduttore: B. Lazzaro
Editore: Donzelli
Anno edizione: 2008
Pagine: 189 p.
EAN: 9788860362988

Un quarto alle tre di un pomeriggio d’autunno. Uno sparo. Di un cacciatore, forse. Piuttosto vicino, anche. Julius come sempre legge accanto alla stufa nella sua baracca tra i boschi del Maine, dove da anni vive solo, a parte la fugace, misteriosa comparsa di una donna, Claire. Nella baracca, stipati lungo le pareti, ci sono 3282 volumi, meticolosamente letti e schedati prima dal padre e poi da Julius, che sin da bambino trascorre così le sue giornate. La sola compagnia di Julius, il cane Hobbes, in quel momento non è con lui, accanto al fuoco. Come mai? Partono da una calma statica che riga dopo riga cede il passo all’inquietudine, le poche pagine che bastano a Donovan per scrivere quello che è stato definito un classico moderno: per l’asciuttezza del linguaggio che attinge al rigore della grande letteratura per il ritmo di un thriller che attanaglia il lettore per l’istantanea nitida, impietosa di una solitudine che si inabissa nella follia, snidata all’improvviso dalla sua latenza. Un racconto lungo tre giorni, il cui impatto sul lettore non conosce scadenza. Come avviene ai classici d’ogni tempo con cui Julius intreccia il suo dialogo quotidiano, nel tepore di una baracca sprofondata nelle nevi del grande freddo americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *