Napoli appesa a un filo

Napoli appesa a un filo Titolo: Napoli appesa a un filo
Autore: Francesco Costa
Traduttore:
Editore: Iemme Edizioni
Anno edizione: 2014
Pagine: 128 p.
EAN: 9788897776482

Otto racconti, una suite per variazione continua di personaggi comicamente tragici, sospesi sul vuoto di una città come Napoli. Sono i poveri incendi e le contraddizioni di un luogo geniale abitato da diavoli, o da scrittori di grande talento come Francesco Costa, che offre di sé, in questa raccolta, un lato inedito della sua scrittura, sull’orlo di una mutazione fra forma amata e forma possibile”. Napoli è la città dalle mille emergenze, in attesa inesausta dell’Apocalisse, la più qualificata scuola di sopravvivenza dell’intero pianeta, paragonabile solo a certe megalopoli asiatiche o sudamericane. Dà asilo ad assassini e a poeti, a bellissime donne e a inguardabili megere. È la città in cui si versano più lacrime e quella in cui si può realmente morire dal ridere. Diversa da ogni città d’Italia, ma al punto che non è assolutamente possibile spiegarne il come e il perché, è la più triste o, indifferentemente, la più allegra. È l’unica città della penisola che può vantarsi di aver fatto un’autentica rivoluzione, sull’onda di quella francese e con tanto di detronizzazione del monarca. Perennemente sospesi fra la furia del Vesuvio e il fiorire di memorabili canzoni, ignari della sorte che li attende e sensibilissimi al richiamo dei sensi, gli abitanti della città hanno sempre l’aria di essere appesi a un filo. I protagonisti di questi racconti si chiamano Amoroso, portano tutti lo stesso cognome, perché qualunque sia l’età di un napoletano, nella sua vita è l’amore a farla da padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *