Progresso nella continuità. La questione del Concilio Vaticano II e del post-concilio

Progresso nella continuità. La questione del Concilio Vaticano II e del post-concilio Titolo: Progresso nella continuità. La questione del Concilio Vaticano II e del post-concilio
Autore: Giovanni Cavalcoli
Traduttore:
Editore: Fede & Cultura
Anno edizione: 2011
Pagine: 224 p.
EAN: 9788864091051

È nota la chiave ermeneutica proposta da Benedetto XVI per la retta interpretazione del Concilio Vaticano II: “Continuità nella riforma o nel progresso”, contro l’interpretazione che vede nelle nuove dottrine del Concilio un adeguamento alla modernità, tale da smentire la dottrina cattolica precedentemente insegnata dal Magistero della Chiesa. Questa tesi della “rottura” appare una logica e normale risposta alla tendenza neomodernista e relativista che nega l’immutabilità della verità e sostiene la veritas filia temporis. Per questa corrente la verità è nel presente e negando quella del passato, che a sua volta sarà negata da quella del futuro. Dalla parte opposta abbiamo i lefebvriani, i quali, seppure consapevoli dell’immutabilità della verità di fede, non riescono a vedere nelle dottrine del Concilio una conferma ed uno sviluppo omogeneo della Tradizione, senza alcuna smentita o contraddizione. Non capiscono che la Chiesa dev’essere moderna, benché non modernista. Una distinzione da tenere presente è quella tra l’aspetto pastorale e l’aspetto dottrinale degli insegnamenti del Concilio. Mentre per quanto riguarda la dottrina si dà un’evoluzione omogenea, in quanto migliore conoscenza del dato rivelato, per quanto riguarda la pastorale esistono opportune e doverose “rotture” col passato e forse anche qualche sbaglio da correggere. Mentre il Magistero è infallibile nella dottrina, non lo è nella pastorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *